Per offrirti il miglior servizio possibile, Bricofer.it utilizza i cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

bricofer blog slider 3

Mercoledì, 21 Marzo 2018 11:05

Bonus condizionatori 2018: come ottenere le detrazione al 50% o al 65%

Vota questo articolo
(5 Voti)
Bonus condizionatori 2018: come ottenere le detrazione al 50% o al 65%

La legge di Bilancio 2018 ha introdotto diverse novità in materia di agevolazioni e detrazioni fiscali. Vediamo cos'è il bonus condizionatori 2018, a chi spetta e quando si può ottenere la detrazione del 50% oppure del 65%.

Cos’è il Bonus condizionatori 2018
Il bonus condizionatori 2018, è un’agevolazione che spetta ai contribuenti sia in presenza di una ristrutturazione che non.

Infatti, quando il cittadino procede all’acquisto di un condizionatore d’aria che sia in pompa di calore, ossia, che valga sia per il riscaldamento nella stagione invernale, ad integrazione o in sostituzione dell’impianto di riscaldamento già esistente, che per il raffreddamento, ha diritto a detrarre dalla dichiarazione dei redditi la suddetta spesa.

Bonus condizionatori 2018: come funziona e a chi spetta la detrazione al 50% e al 65%
L’installazione di un nuovo condizionatore o la sua sostituzione, beneficia quindi di una delle seguenti detrazioni, che variano a seconda dell’ambito nel quale viene effettuato l’acquisto:

  • Bonus condizionatori con ristrutturazione edile, detrazione al 50% se il nuovo impianto è a pompa di calore, anche a non alta efficienza ma mira al risparmio energetico + riduzione IVA al 10%. Solo su unità immobiliari residenziali o parti comuni, condomini.
  • Bonus climatizzatori risparmio energetico, detrazione al 65% per condizionatori con pompa di calore ad alta efficienza che sostituiscono l’impianto di riscaldamento esistente. Detrazione fruibile sia per abitazioni, uffici, negozi ecc.
  • Bonus condizionatori con bonus mobili con ristrutturazione, detrazione 50%, quando si realizza una ristrutturazione edilizia straordinaria su singole abitazioni o condomini, è possibile fruire della detrazione se si acquistano mobili e grandi elettrodomestici A+ (A per i forni), ivi compresi i climatizzatori.
  • Bonus condizionatori senza ristrutturazione, se non vengono effettuati lavori di ristrutturazione, è possibile lo stesso fruire dell’agevolazione fiscale, ma solo se si intende sostituire il vecchio climatizzatore con un condizionatore, ossia, un nuovo impianto a pompa di calore e ad alta efficienza energetica. In tal caso si ha diritto ad una detrazione del 65% per un massimo di spesa detraibile è di 46.154 euro.

Requisiti generali dell’immobile oggetto dell’intervento
Per poter usufruire delle detrazioni fiscali a seguito della sostituzione dell’impianto di riscaldamento con un condizionatore a pompa di calore alla data di richiesta di agevolazioni l’immobile dovrà essere:

  • esistente, di conseguenza o accatastato oppure con richiesta di accatastamento in corso;
  • in regola con il pagamento dei tributi;
  • dovrà essere presente un impianto di riscaldamento.

In caso di ristrutturazione che non prevede la demolizione, ma il solo ampliamento, è necessario fare riferimento alla Legge in vigore e che riguarda solamente la parte non ampliata.

Requisiti tecnici di intervento
Per poter usufruire del bonus condizionatori 2018 con detrazione al 65%:

  • l’intervento dovrà essere fatto solo per la sostituzione parziale o totale dell’impianto termico e non come una nuova installazione;
  • le pompe di calore installate e la climatizzazione estiva dovranno garantire dei minimi di coefficienza di prestazione rispettivamente COP e EER indicati nell’allegato I del Decreto Ministeriale 06.08.09;
  • nel caso in cui le pompe di calore siano elettriche e dotate di inverter i valori sono ridotti del 5%.

IVA agevolata 10% sull'acquisto del condizionatore: come si calcola?
Il condizionatore è considerato un "bene significativo", ed è per questo che sul suo acquisto è prevista l'lVA agevolata con aliquota al 10%, anziché al 22%. Tale aliquota agevolata però, non si applica indistintamente sul prezzo totale di acquisto, bensì solo sulla differenza tra il valore totale del servizio  e il costo del condizionatore.
Sulla differenza tra spesa complessiva e costo condizionatore, si applica l'IVA agevolata al 10% mentre sul resto l'aliquota è al 22%.

Esempio di calcolo IVA agevolata:
Costo totale dell’intervento: 4.000 euro, di cui:

a) manodopera e installazione: 800 euro;
b) Costo climatizzatore 3.200 euro.

Sul costo della manodopera viene applicata l’IVA al 10%, mentre sul climatizzatore l’IVA agevolata al 10%, si applica solo sulla differenza tra il costo totale dell’intervento e il costo del climatizzatore, per cui 4.000 - 3.200 = 800. Sul valore residuo del climatizzatore (2.400), si applica l’IVA al 22%.

Bonus condizionatori 2018: come si deve pagare e documenti da conservare
Per poter godere della detrazione fiscale nella dichiarazione dei redditi attraverso il 730 oppure il Modello Unico a seguito dell’acquisto di un condizionatore, imprese e cittadini dovranno effettuare il pagamento solamente attraverso i canali prescritti dalla Legge. In sostanza si dovrà fare un bonifico bancario o postale all’interno del quale sarà indicata:

  • la causale per il lavori di ristrutturazione fiscalmente agevolati;
  • il codice fiscale del beneficiario del bonus;
  • il codice fiscale o la partita IVA del negozio o del rivenditore.

È importante sottolineare che, su tali bonifici, si dovrà corrispondere una ritenuta d’acconto dell’8%.

Il pagamento per l’acquisto del climatizzatore potrà anche essere effettuato con carte di debito o di credito.  Dovranno essere conservate le fatture di acquisto e le ricevute dei pagamenti nel quale sono indicate la natura, la quantità e la qualità dei beni e dei servizi acquistati, in quanto valgono come documentazione fiscale da presentare al momento della dichiarazione dei redditi.

È il momento migliore, quindi, per acquistare un nuovo condizionatore e sul nostro shop online troverai modelli che coniugano elevata efficienza e risparmio energetico.

 

ACQUISTA

 

Fabiana Cellini

"Il segreto è non correre dietro alle farfalle. È curare il giardino perché esse vengano da te."

Il segreto è non correre dietro alle farfalle. È curare il giardino perché esse vengano da te.

Devi effettuare il login per inviare commenti

news e eventi

idee e consigli

guidetutorial